La nostra Tripoli...

di Sergio DISCO

(video inviato da Aldo Bassani)

foglia2

POESIA...

anigif-attenzione
NeveAtigrinna-2

Poesia n. 11

testo-4048

lettera

testo-4329

Grazie per aver visitato il sito. Contatore pagine visitate dal 29 settembre 2012 n.

Sottomenù:

Torna all'inizio

mappasito-scritta-bianca
foto4

Scrivi al Sito

Il sito è aggiornato a:

ALSlogograndeORIG-2018

RICORDANDO TIGRINNA
https://www.luciani.in - realizzato da Antonio Luciani - 63100 Ascoli Piceno (Italia) - Via V. Bellini 11 - tel. 0736 251092 - e-mail: info@luciani.in - © ALSoft 2012-2019

RICORDANDO TIGRINNA
https://www.luciani.in - realizzato da Antonio Luciani - 63100 Ascoli Piceno (Italia) - Via V. Bellini 11 - tel. 0736 251092 - e-mail: info@luciani.in - © ALSoft 2012-2019

Ricord-Tigr-fondo-lilla

...e la nostalgia delle voci nel deserto lontano

Un'altra pagina per... Aurora Mammone

Una pagina per... Aurora Mammone

Sottomenù:

Vai a fine pagina

PaginaDellaPoesia

Aurora

MAMMONE

INDICE delle Poesie (Clic sul titolo per visualizzare la poesia desiderata)

Nella Pag. di Aurora Mammone

1 -                                     2 - Dulcinea      3 - La fonte della Zira     4 - Fiore     5 - La piazzetta     6 - Luna offuscata     

7 - Ossessione!      8 - Via a senso unico     9 - Khadija e la luna piena       10 - Sulla via Pontina     

11 - Occhi di cielo      12 - Africa mia!      13 - Mare (A Nina)      14 - Nostalgia di Natale       15 - Amaritudine       

16 - Amico ghibly       17 - Sole      18 - Desiderio di fuga      19 - Sogno e realtà        20 - Soldato Massimino                      

testo-5669

Tutte le altre poesie di Antonio MAMMONE

padre di Aurora, scrittore, poeta e insegnante.

testo-5563

Buon-nastro-LUNGOstretto

testo-7748

Poesia n. 2

 

Dulcinea
 

Tempi felici trascorsi a "Li Prunari"(*)
in olezzanti prosperi giardini
ove coglievo del rovo i frutti neri
e li gustavo all'ombra de "lu maiu" (**)
sognando Dulcinea, mio primo amore !

'Ntonetta si chiamava ma ell'era
Clorinda, Laura ed Armida
e mi sentivo Antico Cavaliere
pronto per lei a combattere, ad osare
per salvarla da perigli surreali
e a cavalcare sotto il suo verone
con lancia in resta e con cipiglio fiero
inalberando rose rosse sul cimiero!

Erano gli anni della primavera !
Poi venne l'estate a cancellare
romanticismo e voglia di sognare;
la mia strada irta diventò
e mi trovai, inesperto, a camminare
in un Mondo ingordo intento a calpestare
sentimenti, fede, leali aspirazioni
dimentico d'ogni nobile ideale,
in nome di un progresso senza amore !

Tant'acqua sotto i ponti ormai è passata,
i miei ricordi sono un po' svaniti…
Eppure in quest'autunno tanto scuro,
in cui l'ora solare è partigiana
e il pomeriggio diventa presto sera
il soave sentore dei giardini in fiore
e "lu maiu" vivo della Primavera
che m'aiutaron nell'ardue vie del Mondo
per la mia Calabria mai dimenticare
tutt'or son conservati nel mio cuore
insieme ai rovi carichi di more
ed al balcone
dal quale la mia bella m'inviava
effimeri segnal d'ingenuo amore.

 

 

(*) "Li Prunari": Nome primitivo di Fabrizia, paese della mia adolescenza

(**) "Lu maiu": In dialetto, il faggio in fiore dopo il letargo invernale

testo-5672

testo-7749

Poesia n. 3

La fonte della Zira

Rivedo la mia fonte,
la fonte della Zira (*), nel tramonto…
Fantasticando, mi fermavo a bere
ed a sognare
con l'anima perduta fra le fronde
dei faggi e dei castani testimoni
della sofferta adolescenza mia,
lontan dagli occhi della gente ignara
dei moti inappagati del mio cuore!
Solo, ascoltavo lo scrosciare lieve
dell' acqua chiara allo scurir del cielo
e accanto a me scendevano le stelle
a riposare fra le fitte chiome
degli alberi possenti e ad ascoltare
i sentimenti miei sol confessati
all'acqua della fonte nel suo andare!


(*) La Fontana della Zira si trova in Calabria

a circa 4 Km. da Fabrizia (VV), di fronte

al monte Pecoraro, nella zona delle Serre.

Rivedo la mia fonte,
la fonte della Zira (*), nel tramonto…
Fantasticando, mi fermavo a bere
ed a sognare
con l'anima perduta fra le fronde
dei faggi e dei castani testimoni
della sofferta adolescenza mia,
lontan dagli occhi della gente ignara
dei moti inappagati del mio cuore!
Solo, ascoltavo lo scrosciare lieve
dell' acqua chiara allo scurir del cielo
e accanto a me scendevano le stelle
a riposare fra le fitte chiome
degli alberi possenti e ad ascoltare
i sentimenti miei sol confessati
all'acqua della fonte nel suo andare!

cuori

testo-5673

testo-7751

Fiore

Poesia n. 4

Fiore

Volato sei,
portato via dal vento,
bello, orgoglioso fiore
ed ora giaci immemore
e negletto
come il mio amor superbo
volato pure lei più non so dove
chè il tempo come il vento va lontano
e spegne generoso
ogni pensare !

testo-5679

Torna all'inizio

testo-7752

La piazzetta

La piazzetta


 

Facean parte della mia Piazzetta
la Cattedrale, superba, a sovrastare
la Chiesetta, timida, del Santo Rosario
quasi nascosta, senza campanile ;
il palazzetto con, al terzo piano,
il balconcino sul quale si affacciava
la Dulcinea, mio giovanile amore,
e il Monumento dove mi appoggiavo
ad aspettare che il veron si aprisse
ed ella sorridente mi guardasse.

                    Quel monumento, orgoglio del Paese,
                    a ricordar la guerra e l'oppressione,
                    rappresentava in un bassorilievo
                    la "Gloria" alata che bacia un morituro
                    e in bronzo, ai piè', l'epigrafe in latino:
                    "Gloria morienti dat oscula militi."

Non mi piaceva quel latino strano
con l'attributo lontan dal sostantivo
e senza precisare che il morente
baciato dalla Gloria
era esso nato nel Sud dell'Italia.
E allor l'epigrafe in mente mia cambiavo
"La Gloria bacia un moritur soldato,
nato in Calabria, proprio a "Li Prunari"¹
nella speranza che sol ciò bastasse
nel tempo a ricordare
i tanti ragazzi di quel mio paese
morti a vent'anni al fine di affrancare
dall'austriaco giogo secolare
sconosciuti fratelli veneziani.
Vana illusione d'ingenuo sognatore !
Del Risorgimento, i nobili ideali
di fratellanza, uguaglianza e patrio amore
mercé la "Lega" e il Grande Capitale
vengon or rimossi e al posto loro
s'innalzano barriere per creare
un Nord tutto in mano agl' industriali,
un Sud popolato sol da schiavi.

                    La "Gloria" alata che dà baci al moriente,
                    ora è dimenticata, uscita dalle menti
                    ed è rimasta sola nella piazza
                    fra l'alta cattedrale e la Chiesetta
                    di fronte all'ormai vuoto balconcino
                    dal quale la mia bella m'inviava
                    effimeri segnal d'ingenuo amore.

 

Poesia n. 5


 

Facean parte della mia Piazzetta
la Cattedrale, superba, a sovrastare
la Chiesetta, timida, del Santo Rosario
quasi nascosta, senza campanile ;
il palazzetto con, al terzo piano,
il balconcino sul quale si affacciava
la Dulcinea, mio giovanile amore,
e il Monumento dove mi appoggiavo
ad aspettare che il veron si aprisse
ed ella sorridente mi guardasse.

                    Quel monumento, orgoglio del Paese,
                    a ricordar la guerra e l'oppressione,
                    rappresentava in un bassorilievo
                    la "Gloria" alata che bacia un morituro
                    e in bronzo, ai piè', l'epigrafe in latino:
                    "Gloria morienti dat oscula militi."

Non mi piaceva quel latino strano
con l'attributo lontan dal sostantivo
e senza precisare che il morente
baciato dalla Gloria
era esso nato nel Sud dell'Italia.
E allor l'epigrafe in mente mia cambiavo
"La Gloria bacia un moritur soldato,
nato in Calabria, proprio a "Li Prunari"¹
nella speranza che sol ciò bastasse
nel tempo a ricordare
i tanti ragazzi di quel mio paese
morti a vent'anni al fine di affrancare
dall'austriaco giogo secolare
sconosciuti fratelli veneziani.
Vana illusione d'ingenuo sognatore !
Del Risorgimento, i nobili ideali
di fratellanza, uguaglianza e patrio amore
mercé la "Lega" e il Grande Capitale
vengon or rimossi e al posto loro
s'innalzano barriere per creare
un Nord tutto in mano agl' industriali,
un Sud popolato sol da schiavi.

                    La "Gloria" alata che dà baci al moriente,
                    ora è dimenticata, uscita dalle menti
                    ed è rimasta sola nella piazza
                    fra l'alta cattedrale e la Chiesetta
                    di fronte all'ormai vuoto balconcino
                    dal quale la mia bella m'inviava
                    effimeri segnal d'ingenuo amore.

 

foglia4
foglia3

testo-5696

testo-5710

Torna all'inizio

 

Luna offuscata

 

Luna offuscata

testo-7757

Poesia n. 6

Neppur tu
sei più candida
mia candida luna!
Lo smog ha offuscato
persino il tuo andare
nel cielo ch' è vetro
ormai affumicato,
senza fulgore,
malato!

testo-7758

Buon-nastro-LUNGOstrettoVERTICALE

Ossessione!

Poesia n. 7

Ossessione!

Allor che, bramoso, mi fermavo
a ber dalla sua bocca il dolce miele
ed eravamo una persona sola
ella mi sussurrava la canzone
"Sei grande grande grande
come te non c'è nessuno !"
e lentamente, inesorabilmente
il mio cuore invase e la mia mente !
"Non ti lascerò mai mai"
-bugiarda, mi giurava-
e quando del suo miele
più privarmi non potevo,
pena l'inferno della disperazione,
un grigio pomeriggio settembrino,
tranquilla dichiarò:
"Tutto finisce qui"!
Amo l'amore zingaro,
non fa per me l'eterno
come l'intendi tu!"
E al morir già di quel giorno
l'angoscia m' assalì
e la follia, melliflua,
attorno a me aleggiò.
Morii per giorni e mesi
ma ero un morto grande...!
Ma come esprimer ora
la mia follia di allora
con lei nel mio cervello
che insistente incessante ed ossessiva
che sono "grande grande" ripeteva ?!
Prendi un tranquillante"
-un caro amico allor mi consigliò...-
ma il tranquillante vale per i vivi,
io ero bell' e morto...
mi facea sol dormire
e se dormivo
l'ombra di lei
con me pur s'addormiva
e al risveglio,
crudele, incessante, ossessiva:
"sei grande, grande, grande" -ripeteva
per tutto il giorno,
senza mai tacere!
Di Padre Pio un altro amico
un giorno mi parlò
e mi esortò a pregare
ma io son pragmatico,
non credo nei miracoli e non ci feci caso
continuando a pregar lei , non il Beato.
Ma invano umiliandomi implorai
poter alla sua bocca ancora bere
l'ambrosia dolce per non più morire...
Del mio tormento ella godeva ormai!
E allor l'ORGOGLIO mio tanto ferito
si rese un bel giorno pieno conto
che il miele alla sua bocca un dì bevuto
non era miele ma fiele di Giuda
e non per un miracolo
ma sol per raziocinio,
sconfitta l'ossessiva depressione,
l'effigie di una donna senza cuore
dal mio cervello cancellò decisamente.
E libero tornai, felicemente!

Allor che, bramoso, mi fermavo
a ber dalla sua bocca il dolce miele
ed eravamo una persona sola
ella mi sussurrava la canzone
"Sei grande grande grande
come te non c'è nessuno !"
e lentamente, inesorabilmente
il mio cuore invase e la mia mente !
"Non ti lascerò mai mai"
-bugiarda, mi giurava-
e quando del suo miele
più privarmi non potevo,
pena l'inferno della disperazione,
un grigio pomeriggio settembrino,
tranquilla dichiarò:
"Tutto finisce qui"!
Amo l'amore zingaro,
non fa per me l'eterno
come l'intendi tu!"
E al morir già di quel giorno
l'angoscia m' assalì
e la follia, melliflua,
attorno a me aleggiò.
Morii per giorni e mesi
ma ero un morto grande...!
Ma come esprimer ora
la mia follia di allora
con lei nel mio cervello
che insistente incessante ed ossessiva
che sono "grande grande" ripeteva ?!
Prendi un tranquillante"
-un caro amico allor mi consigliò...-
ma il tranquillante vale per i vivi,
io ero bell' e morto...
mi facea sol dormire
e se dormivo
l'ombra di lei
con me pur s'addormiva
e al risveglio,
crudele, incessante, ossessiva:
"sei grande, grande, grande" -ripeteva
per tutto il giorno,
senza mai tacere!
Di Padre Pio un altro amico
un giorno mi parlò
e mi esortò a pregare
ma io son pragmatico,
non credo nei miracoli e non ci feci caso
continuando a pregar lei , non il Beato.
Ma invano umiliandomi implorai
poter alla sua bocca ancora bere
l'ambrosia dolce per non più morire...
Del mio tormento ella godeva ormai!
E allor l'ORGOGLIO mio tanto ferito
si rese un bel giorno pieno conto
che il miele alla sua bocca un dì bevuto
non era miele ma fiele di Giuda
e non per un miracolo
ma sol per raziocinio,
sconfitta l'ossessiva depressione,
l'effigie di una donna senza cuore
dal mio cervello cancellò decisamente.
E libero tornai, felicemente!

testo-5719

Torna all'inizio

testo-7759

Via a senso unico

Poesia n. 8

Tornare vorrei ad Ain-Zara
Ove l'amante mia a tutte l'ore,
Le tette impudiche
Di polito avorio,
Superbe,
Sul mio viso protendeva
E mi stregava !
Sul tavolo in cucina
Persino mi si offriva
E mi pregava :
"E' giunta per me l'ora, non tardare!"
Io nel giardino entravo
E insieme a lei
Le stelle raggiungevo..

Millanta e più anni son passati….
Ad Ain-Zara non tornerò mai più :
La strada a senso unico è per me !
Indietro non si torna
E corro veloce e morto
Verso il traguardo
Senza mai più raggiunger quelle stelle !

testo-5731

Torna all'inizio

luna-piena05

testo-7760

Khadija e la luna piena (*)

Khadija e la luna piena (*)

Poesia n. 9

Sotto l'ulivo dai rami avvolgenti
l' "emiro Carlo" Khadija aspettava:
la luna da un pezzo era alta nel cielo
ed ella il suo cuor più frenar non poteva.
Senza mantello e non già col cammello
ma della bici soltanto a cavallo,
Carlo arrivò accorto, prudente
e lei lo incitò :"Che aspetti, Sciatany ? (*)
è già tardi, non vedi, ya yuny, ya nary! " (*)
"Non son mica scemo!" -Carletto rispose-
"Col chiaro di luna ci posson scoprire
ed io non ci tengo a farmi pestare,
mia cara Khadija... tranquilla,ti prego !"
Ma lei già eccitata,piuttosto in calore,
dell'eucalipto nell'ombra più scura
attirò Carlo, si levò il baracan
e si concesse, corpo anima e cor !

Non solo "baci e carezze audaci"
secondo gli standards della canzone
i due amanti eran tesi scambiare
quando la luna crudele invidiosa
i suoi raggi filtranti inviò a curiosare;
poi si spostò e andò a provocare
di Khadija il consorte dormiente sereno
nella zariba (*) matrimoniale
e attraverso la tenda strappata
sulla sua fronte si andò a collocare.

Alì si sveglia e Khadija non sente
accanto a sé sulla stuoia nuziale;
preoccupato per l' insolita assenza
si leva e si porta sull'uscio a mirar.
Volge lo sguardo all'argenteo uliveto
e molto più in là sotto i rami e le fronde
che l'eucalipto teneva allargati
per far piacere alla luna piena
scorge, ahimè, la sposa bambina
ad un altro uomo stretta, abbracciata.
"Che fai gahabusha !" (*) -urlò disperato-
"Io son tuo marito, io so' l tuo padrone
non puoi farmi theese ! (*)
Io ti ripudio, lo sai molto bene !"

Impaurita la luna curiosa
dietro una nube si defilò
e approfittando del buio improvviso
l ' "emiro" Carlo....se la squagliò.
E Khadija, la sposa bambina ?
Con l'esperienza delle tante mabruke (*)
schiave da secoli dell'uomo padrone :
"Barra ya keilb" -urlò- "Via sciatan !";
poi corse verso il suo "caro" marito
accusando qualcuno d'averla aggredita
Tornarono in tenda, nella zariba,
si steser pensosi sulla stuoia nuziale
e Khadija, felina con lunga esperienza,
si stropicciava ad Alì e lo tentava
con falsi "ya yuny", con falsi "ya nary"
e mentre lui, alla fine, convinto
che la sua sposa era stata aggredita
e progettava vendette crudeli
ella, dicendosi più che sfinita,
si addormentava con Carlo nel cuore,
pensando a dove poterlo incontrare
senza, peraltro, il ripudio rischiare!

 

(*) Dal racconto breve_ "Khadijia e la luna piena"
- Vedi il glossario in calce al racconto

Sotto l'ulivo dai rami avvolgenti
l' "emiro Carlo" Khadija aspettava:
la luna da un pezzo era alta nel cielo
ed ella il suo cuor più frenar non poteva.
Senza mantello e non già col cammello
ma della bici soltanto a cavallo,
Carlo arrivò accorto, prudente
e lei lo incitò :"Che aspetti, Sciatany ? (*)
è già tardi, non vedi, ya yuny, ya nary! " (*)
"Non son mica scemo!" -Carletto rispose-
"Col chiaro di luna ci posson scoprire
ed io non ci tengo a farmi pestare,
mia cara Khadija... tranquilla,ti prego !"
Ma lei già eccitata,piuttosto in calore,
dell'eucalipto nell'ombra più scura
attirò Carlo, si levò il baracan
e si concesse, corpo anima e cor !

Non solo "baci e carezze audaci"
secondo gli standards della canzone
i due amanti eran tesi scambiare
quando la luna crudele invidiosa
i suoi raggi filtranti inviò a curiosare;
poi si spostò e andò a provocare
di Khadija il consorte dormiente sereno
nella zariba (*) matrimoniale
e attraverso la tenda strappata
sulla sua fronte si andò a collocare.

Alì si sveglia e Khadija non sente
accanto a sé sulla stuoia nuziale;
preoccupato per l' insolita assenza
si leva e si porta sull'uscio a mirar.
Volge lo sguardo all'argenteo uliveto
e molto più in là sotto i rami e le fronde
che l'eucalipto teneva allargati
per far piacere alla luna piena
scorge, ahimè, la sposa bambina
ad un altro uomo stretta, abbracciata.
"Che fai gahabusha !" (*) -urlò disperato-
"Io son tuo marito, io so' l tuo padrone
non puoi farmi theese ! (*)
Io ti ripudio, lo sai molto bene !"

Impaurita la luna curiosa
dietro una nube si defilò
e approfittando del buio improvviso
l ' "emiro" Carlo....se la squagliò.
E Khadija, la sposa bambina ?
Con l'esperienza delle tante mabruke (*)
schiave da secoli dell'uomo padrone :
"Barra ya keilb" -urlò- "Via sciatan !";
poi corse verso il suo "caro" marito
accusando qualcuno d'averla aggredita
Tornarono in tenda, nella zariba,
si steser pensosi sulla stuoia nuziale
e Khadija, felina con lunga esperienza,
si stropicciava ad Alì e lo tentava
con falsi "ya yuny", con falsi "ya nary"
e mentre lui, alla fine, convinto
che la sua sposa era stata aggredita
e progettava vendette crudeli
ella, dicendosi più che sfinita,
si addormentava con Carlo nel cuore,
pensando a dove poterlo incontrare
senza, peraltro, il ripudio rischiare!

 

(*) Dal racconto breve_ "Khadijia e la luna piena"
- Vedi il glossario in calce al racconto

testo-5740

testo-7761

Sulla Via Pontina

Sulla Via Pontina

Poesia n. 10

Sulla moderna veloce Via Pontina 
Che in “Fuori serie” 
Percorrevo a cento all’ora 
Fra cespugli di rovi defilata, 
Ti scorsi quando il sol volgea al declino 
Negretta prostituta ancor bambina. 

Nel guardo tuo fuggevol intravidi 
Paura che ‘l Gigante, 
Di Legge integerrimo tutore, 
A caccia d’errabonde bimbe negre, 
Ti sorprendesse per metterti ‘n galera . 
Lessi sul volto tuo 
l’angoscia ed il timore 
D’incombenti incontri tormentosi 
E lo sgomento per l’imminente arrivo 
Dell’avido “Pappone” 
Cui rendere ragion del magro incasso 
A fine di giornata di lavoro! 

Negli occhi tuoi grandi,da bambina, 
La nostalgia notai, in quel baleno, 
Della lontana capanna primitiva, 
Misera eppur felice 
Da cui fosti strappata e violentata, 
Condotta sulla Pontina a far la schiava. 

E piansi per te ! 
Piansi e pur mi sento reo 
Perché, purtroppo, faccio parte anch’io 
Di questa umanità priva di cuore 
Che l’ambascia ignora e l’afflizione 
Di tante ”Magdalene” non sol nere 
che un vano progresso senza onore 
Scaraventò sulle vie dell’occidente 
Sulle moderne e amare “vie Pontine” 
Divenute “Calvario” 
Per esse, prostitute ancor bambine ! 

foglia5

testo-5760

foglia5
foglia5
foglia5
foglia5

testo-7762

Occhi di cielo

Occhi di cielo

Torna all'inizio

Poesia n. 11

Dolce Giulia dagli occhi di cielo
nella notte di stelle ammantata,
mentre la guerra urlava l’orrore,
mentre il mare nel porto esplodeva
e la luna atterrita guardava,
sulle ali del vento venisti
ed insieme volammo a cercare
quiete appagante il delirio d’amore
che sconvolgeva i nostri pensieri:
superasti infantile timore
per consentirmi l’ingresso al giardino,
al tuo virgineo giardino fatato
oltre la valle del grembo di seta
ove io colsi il più bello dei fiori!


 


Sento ancora il sapore del thè
nella tua bocca e l’olente respiro;
sento ancora il tuo seno bambino
nelle mie mani vogliose, impazienti
quando io fiero entravo in giardino.
Mi guardavi con gli occhi di cielo
traboccanti d’amore e passione:
“non mi lasciare mai” mi sussurravi
stretta stretta sul mio cuore
e allor nient’altro più per noi esisteva!

 




Poi un tragico mattino assolato,
ordigni di morte dall’uomo creati
distrussero sogni, speranze, illusioni
e all’improvviso , com’eri venuta,
stupita volasti nel vento d’aprile ,
candida vittima a Marte immolata.

 

testo-5770

Torna all'inizio

palmeviolaNuova

testo-7763


Ora millanta son gli anni passati,
la nostra fiaba sì breve e infinita
nella memoria è tuttora stampata
e nel mio inconscio tu sei com’allora
quando pudìca al mio cuor ti stringevi
sopra il solingo terrazzo ospitale,
testimoni le stelle a spiare
le nostre notti segrete d’amore ,
notti pregne del grato tuo odore,
di giovinezza, di sogni e di gioia.

 

- Roma 1998, dal racconto breve “Giulia”

Poesia n. 12

Africa mia!

Africa mia!

testo-5779

VelaViolaultimaOK


L'immensità dei tuoi deserti,
la purezza del tuo mare e del tuo cielo,
il soffio amico del tuo ghibly ardente
fra sagge palme e i tamerici in danza
nelle felici òasi fragranti
fugaron l' ombre dell'adolescenza,
mia Libia diletta !
Mi conquistasti e divenimmo amici !
Per me tu fosti una seconda Patria:
mi proteggesti e mi sentii al sicuro
e per tant'anni vissi in te,con te
amandoti più del mio Paese,
come stregato, senza aver paura.
Poi un tuo figlio, certo il peggior nato,
privo d'amore e di timor di Dio
gonfio soltanto di crudel razzismo
tentò di violentar moral natura
leale, giusta e fieramente pia
dei suoi stessi fratelli,
ormai pur fratelli miei.
E dovei lasciarti, gentile e solitaria
amata terra mia !
Ah! potessi tornare ad ascoltare
il ghibly saturo d'armonie sublimi
e i tuoi silenzi immoti,
e il tenue alitare delle dune
nella genuinità della natura
del tuo deserto antico ,
ad ammirare in godimento pieno
incomparabili colori vespertini
e il biancheggiar dell'alba
nei tuoi vasti orizzonti senza fine !
Non avrei più paure vane :
tranquillamente appagato aspetterei,
giocando in pace nel silenzio amico,
fra le tue braccia,
la fin degli anni miei !

testo-7764

Mare (A Nina!)

Mare

Poesia n. 13

 

Negli occhi tuoi c'è il mare !
Tu sei il mio mare:
mare azzurro in cui è dolce navigare.

Negli occhi tuoi c'è il mare!
Tu sei il mio mare:
mare pacifico nel quale riposare.

Negli occhi tuoi c'è il mare!
Tu sei il mio mare:
mare profondo ove m'immergo
per fantasticare.

Negli occhi tuoi c'é il mare!
Tu sei il mio mare:
mare tempestoso all'apparir
d'improvvide rivali.

Negli occhi tuoi c'è il mare!
Tu sei il mio mare:
mare azzurro e pacifico
profondo e tempestoso
nel quale mi rifugio
nelle giornate scure,
nelle giornate di sole
per riflettere e sognare!

testo-5793

testo-5786

Torna all'inizio

testo-7765

Poesia n. 14

Nostalgia di Natale

Nostalgia di Natale

testo-7766

Amaritudine

Amaritudine

Nostalgia struggente di dolci momenti:
suoni attutiti di sorde campane
fra bianche falde di neve danzanti,
fraseggi lesti di zoccoli allegri
nell'aria fredda di primo mattino,
melodiose zampogne a cullare
il dormiveglia fra sogni bambini
e di mamma le dolci carezze
fra il sentore di latte e di pane !

Nostalgia di un mattino lontano,
di un Natale lontano nel tempo
nella dolce Fabrizia natia
quando Natale era Sogno d'Amore
ed il cuore dell'uomo più buono
non del tutto deserto com'ora !

Poesia n. 15

Vorrei poter tornare ad Ain-Zara (*)
per riposare, nella notte arcana,
sul letto illuminato dalla luna,
porte e finestre aperte
senza aver mai paura !

Ben oltre sette lustri ivi trascorsi,
in quell' oasi immune da violenza,
abitata da buona, proba gente
che pur se orba del cristian Vangelo,
sol conoscendo il verbo del Corano,
ospitava fraterna lo straniero
con etica da Buon Samaritano.

E allora un'onda di rimorso amaro
m'invade il cuor per non aver saputo
abbastanza, alla fine, ringraziare
i vari Amhed, Fatma o Najaty
per l'amicizia leale, per l'amore
che m'hanno offerto quasi qual donario!

Ora son qui nella città civile,
astro mondiale del diritto umano,
serrato in casa già al calar del sole,
oppresso dall'ansia e dal timore
che "Tipi" di mia stessa religione
usi ormai a viver di rapina
mercé le leggi stolte, permissive
imposte da demagoghi velleitari,
con ben mirati colpi di bastone
mi stendan per rubarmi la pensione
e poi tranquilli andare all'elezioni
a confermar fiducia ed a votare
la lor Democrazia dittatoriale
per un'Italia progressista
falsamente proletaria !


(*) Villaggio a 12 km. da Tripoli

testo-5801

Torna all'inizio

testo-7767

Amico ghibly ¹

Poesia n. 16

Ghibly, perchè, ostile, fiammelle ardenti
accendesti alle mie nari
in quell'april lontano ²
quando superba l'Arborea d'argento
entrò nel porto all'anelata Oea
e già appariva al guardo mio incantato
sull'alto pennone del Castello Turco
la Sacra Bandiera della Patria amata ?
Eri geloso, di' la verità !
Geloso che io pure
innamorarmi potessi delle dune
che ballerine giocano con te
e con il sole !
Geloso che io pure come te
potessi addormentarmi fra le palme
e il gorgoglìo delle sorgive gemme
e i melograni carichi di fuoco
nell' oasi cromatica e felice !
Respingermi tentasti
Ma io non tornai indietro e ti sfidai !
E ti conobbi e diventammo amici
e camminammo insieme quarant'anni
nella di allora mia diletta Libia ;
e complici restammo
quando l'amore mio impaurito
sentendoti mugghiare nella notte
più si stringeva a me !
Ma io sapevo che non puoi far male !
Perchè come il sole e come il mare,
tu forza primigenia sei della natura
e il tuo soffio è amore
virile e appassionato
per carezzar le palme a primavera
e preparare il leghby ³ ch'è ambrosia
per la silente stanca carovana
e poi in autunno i datteri indorare,
il cibo degli Dei, tuoi creatori !

 

Ghibly, perchè, ostile, fiammelle ardenti
accendesti alle mie nari
in quell'april lontano ²
quando superba l'Arborea d'argento
entrò nel porto all'anelata Oea
e già appariva al guardo mio incantato
sull'alto pennone del Castello Turco
la Sacra Bandiera della Patria amata ?
Eri geloso, di' la verità !
Geloso che io pure
innamorarmi potessi delle dune
che ballerine giocano con te
e con il sole !
Geloso che io pure come te
potessi addormentarmi fra le palme
e il gorgoglìo delle sorgive gemme
e i melograni carichi di fuoco
nell' oasi cromatica e felice !
Respingermi tentasti
Ma io non tornai indietro e ti sfidai !
E ti conobbi e diventammo amici
e camminammo insieme quarant'anni
nella di allora mia diletta Libia ;
e complici restammo
quando l'amore mio impaurito
sentendoti mugghiare nella notte
più si stringeva a me !
Ma io sapevo che non puoi far male !
Perchè come il sole e come il mare,
tu forza primigenia sei della natura
e il tuo soffio è amore
virile e appassionato
per carezzar le palme a primavera
e preparare il leghby ³ ch'è ambrosia
per la silente stanca carovana
e poi in autunno i datteri indorare,
il cibo degli Dei, tuoi creatori !

 

¹ Il ghibly è un vento caldissimo che dal Sahara soffia sulla Libia : dall'arabo "qiblii" = meridionale.

² Giunsi a Tripoli il 23 aprile del 1937, mentre infuriava una tempesta di torrido ghibly.

³ Leghby . linfa della palma.

testo-5814

testo-7768

Sole

Sole

Poesia n. 17

Quale miraggio un dì tu mi apparisti !
Splendida, come il sole che dissolve
la cinérea bruma del mattino
e l'orizzonte fa vedere chiaro .
E da quel giorno di tua luce vivo
pur nel rimpianto per non aver potuto
far scendere le stelle in su la sera
per farti un vezzo di diamanti e d'oro
o rubare il candore della luna
per farti un peplo per la primavera !
Ma colsi fior per te in mille giardini
e li sparsi ai tuoi pie' nel lungo andare
e gli occhi miei fur destri a non vedere
l'alito insensibile del tempo
intento ad ombreggiare il tuo fulgore !
Ora, al tramonto, ancor così ti vedo,
come in quel dì ormai tanto lontano
quando il tuo sguardo accese nel mio cuore
l'ardente fiamma del mio eterno amore
inestinguibile e vivo come il sole!

testo-5823

Torna all'inizio

testo-7769

Desiderio di fuga

Desiderio di fuga

Poesia n. 18

Quando la vidi per la prima volta,
superba,
la mia strada attraversare
con andatura tanto disinvolta
restai incantato, come si suol dire.
M'innamorai e da quel giorno esisto,
sol per interpretare ogni suo gesto
quando di luce m'inonda nel passare.
Al sol pensiero di non poterla amare,
che altri godan della sua attenzione
l'anima mia si perde, anzi scompare
e il vuoto m’ avviluppa tutto il cuore.
                              Vorrei poter con una fuga ardita
                              portarla in un'oasi assai lontana
                              fra i melograni carichi di sole
                              laggiù nel mio deserto, un paradiso,
                              per amarla così da mane a sera
                              durante tutto l'arco della vita !

Quando la vidi per la prima volta,
superba,
la mia strada attraversare
con andatura tanto disinvolta
restai incantato, come si suol dire.
M'innamorai e da quel giorno esisto,
sol per interpretare ogni suo gesto
quando di luce m'inonda nel passare.
Al sol pensiero di non poterla amare,
che altri godan della sua attenzione
l'anima mia si perde, anzi scompare
e il vuoto m’ avviluppa tutto il cuore.
                              Vorrei poter con una fuga ardita
                              portarla in un'oasi assai lontana
                              fra i melograni carichi di sole
                              laggiù nel mio deserto, un paradiso,
                              per amarla così da mane a sera
                              durante tutto l'arco della vita !

testo-5873

testo-7770

Sogno e

Sogno e

Poesia n. 19

realtà

realtà

testo-5884

La Libia "mia" ho stanotte sognato
e d'ingresso al Nefusah l'ardito ciglione
e di Garian, la bella, il vasto altopiano
e la dolce Tigrinna del mio primo amore !
case ridenti in estesa vallata
come grappoli al sole
fra campi ubertosi, promesse di vita !
Il Mueziin ho riudito, col ghibly
tenzonar sul minareto
per il richiamo lento,modulato
all'ultima preghiera della sera
e la Gazzella mia,
l'illibata fanciulla trepidante,
sul mio petto ansante
ha celato il dolce viso come mill'anni fa
sotto gli ulivi saggi, centenari la cui ombra
placida benevola accogliente
segreti serbava i baci nostri
tormentosi, struggenti
mentre la luna indiscreta
i suoi raggi filtranti, d'argento
inviava a spiare !

Ricordi, Fatmah?
Vorrei sentirti dire come allora
nell'incipiente calda notte arcana :
"ti amo ya yunj, ti amo ya narj !"
e come allor con te morir d'amore
e poi volare insieme incontro al ghibly
e perderci giocando nel suo ardore !

Ma or dove sei tu, tenero fiore
colto una notte fatata a primavera ?
Ha rispettato il Tempo, l'invìdo Tempo,
crudel nemico di tutto ciò ch'è bello,
il serico velluto di tua pelle
e l'avorio polito del seno tuo sorgente
e il miele della bocca birichina ?
Dillo, mia effimera amante,
dillo
e lo maledirò se esso ha osato
recarti offesa !

testo-7771

Soldato Massimino

Soldato Massimino

Poesia n. 20

Massimino partì a far la guerra,
a conquistar non sapea quale terra.
Disse addio, ma senza un sorriso,
ai suoi faggi e alle querce silenti
sulle native colline ubertose
ove i suoi sogni correvan veloci,
ove era uso condurre gli armenti,
tese le orecchie, la notte, a sentire
l'ostile lupo cantare alla luna.

Ora egli è qui lontano dai monti,
da quel torrente in amena vallata
che cantando i suoi sogni seguiva
mentre il gregge sostava per bere.
Ora egli è qui, nel vano deserto
ad aspettar di sapere il nemico
quel nemico a cui portar guerra,
senza più sogni, lontan dai suoi monti,
per conquistar non sa lui quale terra.

Massimino non può più sognare !
In un mattino così, all'improvviso,
gli fu comandato di fare il soldato
e le speranze, i progetti pensati
nella valle all'ombra d' un faggio
egli dissocia nella sua mente
e trasforma il presente in miraggio.
Or non esiste per lui alcun nemico
ma la sua strada è ancora in salita
e la ragione piuttosto turbata.

Il "Potere" al grande Ospedale
allor lo conduce senza esitare
per controllare il suo stato mentale
e rendersi conto se puote ammazzare.
Qui Massimino continua a sognare
e già scorge le apriche colline
e già sente l'arduo torrente
ed il lupo che canta alla luna
e va sù fino al settimo piano...
Ma l'illusione è di breve durata !
Un voce scompiglia il miraggio :
"Dove vai così tanto spedito?"
"Ai miei monti , lassù c'è il mio gregge".
"Torna indietro, la strada è sbagliata!"
"Fa lo stesso Tenente, lo stesso..."
"Ubbidisci, ritorna dabasso !"
"Fa lo stesso, Tenente, non posso!"
Poi il miraggio si ricompone
e già appare l'aprica vallata
con il gregge al pascolo assorto
e l'argenteo torrente scrosciante
ed i faggi e le querce silenti
e si affretta... e con passo beato
felice vola incosciente nel vuoto
e si perde in quei sogni sperati
che il POTERE gli aveva rubato.


Dal racconto breve "Massimino" - Tripoli,1940

Torna all'inizio

foglia5
foglia3
foglia2

Torna all'inizio

Grazie per aver visitato il sito. Contatore pagine visitate dal 29 settembre 2012 n.

Un'altra pagina per... Aurora Mammone

Sottomenù:

Una pagina per... Aurora Mammone

Create a website